Cyberbullismo: come combatterlo

Il giorno 27 marzo 2017 alle ore 9.30  il dottor Roberto Rustichelli, magistrato presso il Tribunale di Napoli, ha incontrato i ragazzi della scuola secondaria del Verna e del Sacro Cuore .
Oggetto della discussione impostata dal Magistrato è il Cyberbullismo, fenomeno attuale per gli adolescenti, i quali utilizzano le risorse del web (tra cui i social network, in primis) spesso in maniera impropria.
ll dibattito tra il dott. Rustichelli e gli studenti  è risultato particolarmente interessante grazie agli argomenti emersi , quali la differenza tra quello che è da considerarsi un vero e proprio atto di bullismo che, tendenzialmente, si protrae nel tempo, ed un semplice scherzo che, seppure di cattivo gusto, termina nel giro di pochi minuti. 
Il Magistrato ha poi spiegato i rischi  di internet e web perché “La reteè il mondo, e pubblicare qualcosa in rete vuol dire lasciare tracce di sé per sempre nelle mani degli altri".
In un secondo momento gli studenti, motivatissimi da quanto precedentemente affermato dal dott Rustichelli, hanno chiesto come si devono comportare se si trovano ad assistere ad atti di bullismo.  "Stare zitti e tacere vuol dire essere complici, partecipare!", sentenzia il Magistrato  "la denuncia, al contrario, è la più importante forma di altruismo"; per quanto riguarda poi le vittime,  ha sottolineato  che è importante avere il coraggio di comunicare sempre con la famiglia o gli insegnanti e non bisogna assolutamente avere paura e tenersi tutto dentro.
Il dialogo tra studenti e Magistrato si è protratto ancora su questo argomento e il Magistrato si è mostrato disponibile a rispondere a tutte le loro domande.
La Preside ha infine ringraziato e salutato, a nome di tutta la scuola, il dott Rustichelli, il quale ha promesso di ritornare presso il nostro Istituto col fine di approfondire gli argomenti trattati e indicare ulteriori  strumenti per combattere "il branco negativo, che nasce per fare male" a favore del "branco di amici, che, al contrario, ha lo scopo di aiuto reciproco".
Il 3 aprile alle ore 17.30 il dott Rustichelli ha poi incontrato le famiglie degli alunni e i docenti sul tema:   CYBERBULLISMO: COME COMBATTERLO:IL RUOLO DELLA FAMIGLIA E DELLA SCUOLA affrontando l’argomento in modo molto più articolato con  riferimenti specifici alla legislazione corrente. 
In allegato la relazione download

Nessun commento ancora

Lascia un commento