Approccio – scuola dell’infanzia

La scuola dell’infanzia rappresenta il primo luogo, diverso dalla casa, in cui il bambino vive con altri coetanei e adulti per molte ore al giorno ed è il primo aiuto sistematico alla responsabilità educativa della famiglia.
Per questo ci si prende cura sia del momento del distacco, durante l’inserimento, sia del rapporto con le famiglie come fonte d’identità e di ricerca di un cammino adeguato ad ogni bambino, creando un ambiente rassicurante e proposte stimolanti e gioiose.
Il bambino ha il principale riferimento nella sua famiglia, da cui impara a stare di fronte alla realtà, e con la quale la scuola interagisce, condividendo il cammino educativo proposto.
Il bambino viene accolto per quello che realmente è, sollecitato affinché l’incontro con la realtà diventi stupore e desiderio di conoscere.
Ogni aspetto della sua persona viene valorizzato perché cresca avendo stima di sé e delle sue possibilità.
La scuola dell’infanzia si pone come finalità quella di promuovere nel bambino lo sviluppo dell’identità, dell’autonomia, della competenza avviandolo alla cittadinanza attiva.
  • sviluppo dell’identità intesa come rafforzamento della conoscenza di sé (sotto il profilo corporeo, intellettuale, psicodinamico) e, nello stesso tempo, della sicurezza in un ambiente sociale allargato, riconoscendo altre identità ed altri punti di vista.
  • sviluppo dell’autonomia intesa come capacità di orientarsi, compiere scelte in contesti relazionali diversi rispettando le regole del gruppo, esprimere sentimenti ed emozioni.
  • sviluppo delle competenze come consolidamento nel bambino di abilità sensoriali, percettive, motorie, linguistiche e intellettive.
  • sviluppo della cittadinanza significa scoprire l’altro, rendersi consapevoli di avere necessità di regole condivise, porre attenzione al punto di vista dell’altro e riconoscere diritti e doveri uguali per tutti.